DOCU FILM FASCISTI A PREDAPPIO, FASCISTI A BOLOGNA, IL BUSINESS DEI RISTORANTI IN RUSSIA, BARBONI IN RUSSIA, VIKTOR TSOI, L’ASSEDIO DI LENINGRADO, MEDICI E MEDICINA IN RUSSIA, IL 9 MAGGIO – IL GIORNO DELLA VITTORIA

 

FASCISTI CONTRO ANTIFASCISTI A BOLOGNA – IL DERBY DELLE DUE TORRI (2019) – LOPE DE AGUIRRE PRODUCTIONS DOCU FILM (© Tutti i diritti riservati)

#fascisti #robertofiore #antifascisti
ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE http://www.youtube.com/c/LopeDeAguirreFilmProductions

Non più quello tra Fortitudo e Virtus, bensì quello tra (neo) fascismo e antifascismo è, oggi più che mai, il Derby autentico di Bologna (e d’Italia).

Da che parte schierarsi?

Dove sta la ragione?

Per chi tifare?

Il 20 Maggio del 2019 è andato in scena l’ennesimo Derby di Bologna con lo scontro verbale e, a tratti, anche fisico, fra un qualche migliaio di antifascisti e una ventina di simpatizzanti di Forza Nuova e il loro leader, Roberto Fiore, isolati, protetti e difesi in Piazza Galvani da uno spiegamento, a dir poco eccessivo, di Forze dell’Ordine, polizia e carabinieri. Al di là delle barricate, è sfilata in corteo la Bologna antifascista dei giovani studenti fuori sede e dei collettivi antagonisti (diverse migliaia) e dei bolognesi (pochissimi esemplari) per rivendicare e difendere il Dna antifascista della città di Bologna, “Medaglia d’oro della Resistenza”.

La camminata pacifica per le vie e le piazze della città è poi degenerata in un rapido e inutile scontro con la polizia, quando qualche attivista ha tentato di superare lo sbarramento al grido di “Via i fascisti da Bologna”, con conseguente lancio di bottiglie, fumogeni, seggiole e tavolini dei bar, pietrini e le inevitabili manganellate. 

Dobbiamo continuare a sostenere, sempre e comunque e a prescindere, solamente le ragioni di una delle due parti? Vivendole e interpretandole in un senso integralista, con gli occhi e le orecchie chiuse al mondo esterno, come se questi proclami e convinzioni fossero il Verbo intoccabile di una Fede, i rituali magici di una Tribù o, peggio, il patto indissolubile di un Clan? Oppure, piuttosto, sarebbe giunto il momento di aprirsi all’ascolto della parte avversa, magari cercando una convergenza (parallela), una conciliazione?

Gli italiani, purtroppo, sono sempre molto indaffarati ad odiarsi gli uni con gli altri (per motivi politici e sportivi e di provenienza), e, perciò, non si sono ancora accorti dei ruoli di schiavitù e di sudditanza nei quali sono stati costretti da quei gruppi ristretti di potere che legiferano senza rendere conto a nessuna manifestazione di Piazza, a nessuna consultazione popolare, a nessun Parlamento nazionale o Europeo.

Forza Nuova spiega i danni di una ventennale gestione politica dell’immigrazione e della criminalità, di scelte sconsiderate e suicide, portandoci ad esempio positivo le politiche illuminate di paesi come Ungheria e Russia. Ammettere la verità lapalissiana di tutto ciò non significa automaticamente proclamarsi a favore dei neofascisti, né di Salvini, né dei Porti chiusi o di chi si scaglia contro la Sea Watch, contro i soccorsi in mare e contro l’accoglienza ai bisognosi. Niente affatto. Liberiamoci, dunque, da questa  logica di una contrapposizione a prescindere, da quel vizio tutto italico delle opposte fazioni, dei borghi, delle contrade e delle strade in guerra contro altri borghi, altre contrade, altre strade!

A 2019 LOPE DE AGUIRRE PRODUCTION. MOVIES THAT HIT

DIRECTOR & EDITOR: TIZIANO BISI
ART DIRECTOR: LISA VETOCHKINA

#fascisti #predappio #benitomussolini

FASCISTI A PREDAPPIO, I NOSTALGICI DI BENITO MUSSOLINI (2019) – LOPE DE AGUIRRE PRODUCTIONS DOCU FILM – ITALIAN HISTORY X (© Tutti i diritti riservati)

«Chi di voi è senza peccato, scagli per primo la pietra contro di loro» (Gv 8,7)

Chi sono e cosa pensano i nostalgici del Ventennio Fascista e del duce Benito Mussolini che si ritrovano ogni anno a Predappio nel giorno dell’anniversario della Marcia su Roma? Tra canti di “Giovinezza” e “Faccetta nera”, grida di “Boia chi molla”, magliette con lo slogan macabro di “Auschwitzland”, balilla e camice nere, camerati vecchi e giovani di Casa Pound, Forza Nuova e i nostalgici fascisti si incontrano a Predappio in una giornata che è “storica”, sia per neofascisti e i simpatizzanti della nuova destra italiana sia per i loro antagonisti.

Il cosiddetto Neo Fascismo è un virus che ha contagiato la mente di questi nostalgici che si riuniscono ogni anno a Predappio.

Non possiamo odiare e neppure ignorare queste persone. Loro vivono in un mondo che non è il nostro; in quanto è il risultato di un’educazione e di una storia personale che li ha fortemente condizionati.

Se fossimo cresciuti e vissuti come sono cresciute e vissute queste persone, anche noi, ora, molto probabilmente, saremmo come loro.

Pertanto, dobbiamo ascoltarli per comprendere le loro ragioni, la loro storia, quello che sono e da dove provengono le loro idee e accettarle; senza dare un giudizio, provando il massimo della compassione.

A 2019 LOPE DE AGUIRRE PRODUCTION. MOVIES THAT HIT

DIRECTOR & EDITOR: TIZIANO BISI
ART DIRECTOR: LISA VETOCHKINA

#benitomussolini #fascisti #fascismo #predappio #duce

 

https://vimeo.com/319191308

ITALIAN HISTORY X (2019) – LOPE DE AGUIRRE PRODUCTIONS

#mussolini #fascism #fascist #rightwing #фашизм

The so-called New Fascism is a virus wich has infected the mind of these nostalgic people who gather every year in Predappio. 
We can not hate or even ignore those people. 
They live in a world that is not ours, as it is the result of an education and a personal history that has heavily influenced them.
If we had grown and lived as these people have grown and lived, we too, now, probably, would be like them.
Therefore, we must listen to them in order to understand their reasons, their history, who they are and where their ideas come from, and accept them; without a judgment, feeling compassion.

A 2019 LOPE DE AGUIRRE PRODUCTION. MOVIES THAT HIT

ИТАЛЬЯНСКАЯ ИСТОРИЯ Х (2019) – LOPE DE AGUIRRE PRODUCTIONS

#mussolini #fascism #предаппио #муссолини #фашизм

Так называемый Новый фашизм – это вирус, заразивший разум ностальгирующих людей, которые ежегодно собираются в Предаппио. Мы не можем ненавидеть или игнорировать их. Они живут в мире, который нам не принадлежит. Их одержимость – это результат влияния воспитания и личного опыта.
Если бы мы выросли и жили так, как росли и жили эти люди,скорее всего, тоже стали бы такими же, как они.
Поэтому, мы должны выслушать их, понять что они из себя представляют, какова их история, понять откуда берутся их идеи, и принять этих людей, стараясь не осуждать, а сострадать.

 

QUELLO CHE SO DELLA RUSSIA  – DOCU FILM (2019) – LOPE DE AGUIRRE PRODUCTIONS (© Tutti i diritti riservati)

#russia #saintpetersburg #piter #spb #санктпетербург #питер 

Che cosa sappiamo veramente, noi italiani, della Russia?
Su YouTube ci sono centinaia di video di chi, italiani e stranieri, la Russia provano a raccontarla ( la vita in Russia, gli Zar, la Rivoluzione russa, le donne russe, le città russe di San Pietroburgo e Mosca, gli italiani in Russia, i musei russi, la Transiberiana, i tour e gli hotel a San Pietroburgo e a Mosca)  Eppure, loro, la Russia non la conoscono.

What do we really know about Russia?
On YouTube there are hundreds of videos of who try to explain it. Unfortunately, they don’t know nothing about Russia.

CHEF A SAN PIETROBURGO – CAPITOLO 1/20 del DOCU FILM “QUELLO CHE SO DELLA RUSSIA” (© Tutti i diritti riservati)
Chef e ristoranti a San Pietroburgo e il business della ristorazione in Russia

CHEF IN SAINT PETERSBURG – CHAPTER 1/20 of the DOCU FILM “WHAT I KNOW OF RUSSIA” (© All rights reserved)
Chefs and restaurants in St. Petersburg and the catering business in Russia

GENTE DI STRADA A SAN PIETROBURGO – CAPITOLO 2/20 del DOCU FILM “QUELLO CHE SO DELLA RUSSIA” (© Tutti i diritti riservati)
Barboni a San Pietroburgo, senza casa in Russia: la vita difficile di chi non ha niente e non ha diritto a niente

STREET PEOPLE IN SAINT PETERSBURG – CHAPTER 2/20 of the DOCU FILM “WHAT I KNOW OF RUSSIA” (© All rights reserved)
Homeless people in Saint Petersburg, homeless in Russia: the difficult life of those who have nothing and have no right to anything

VIKTOR TZOI & IL CLUB KAMCHATKA DI SAN PIETROBURGO – CAPITOLO 3/20 del DOCU FILM “QUELLO CHE SO DELLA RUSSIA” (© Tutti i diritti riservati)
Viktor Tzoi e il Club Kamchatka di San Pietroburgo, un Museo che di sera diventa un Club con artisti di strada e reading di poesie in memoria di Viktor Tzoi, il leader della rock band russa Kino

VIKTOR TZOI & THE CLUB KAMCHATKA – CHAPTER 3/20 of the DOCU FILM “WHAT I KNOW OF RUSSIA” (© All rights reserved)
Viktor Tzoi and the Club Kamchatka in St. Petersburg, a museum that in the evening becomes a club with street artists and poetry readings in memory of Vktor Tzoi, the leader of the Russian rock band Kino

L’ ASSEDIO DI LENINGRADO – CAPITOLO 4/20 del DOCU FILM “QUELLO CHE SO DELLA RUSSIA” (© Tutti i diritti riservati)
I nazisti avevano previsto di occupare e distruggere Leningrado in poche settimane. Ma la resistenza all’invasore trasformò l’assalto in un assedio, ” blokada ” in russo, che durerà 872 giorni, 2 anni e 5 mesi, dall’8 settembre 1941 al 27 gennaio 1944. Fu l’assedio più lungo della seconda guerra mondiale, il secondo più lungo della storia moderna dopo l’assedio di Sarajevo negli anni 90.

THE LENINGRADO SIEGE – CHAPTER 4/20 of the DOCU FILM “WHAT I KNOW OF RUSSIA” (© All rights reserved)
The Nazis had planned to occupy and destroy Leningrad in a few weeks. But resistance to the invader turned the assault into a siege that would last 2 years and 5 months, from 8 September 1941 to 27 January 1944. It was the longest siege of the World War II, the second longest in modern history after the siege of Sarajevo in the 1990s.

ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE

SUBSCRIBE TO OUR CHANNEL

http://www.youtube.com/c/LopeDeAguirreFilmProductions

A 2019 LOPE DE AGUIRRE PRODUCTION. MOVIES THAT HIT

DIRECTOR & EDITOR: TIZIANO BISI
ART DIRECTOR: LIZA VETOCHKINA

Argomenti trattati:

Pietro il Grande e la fondazione di San Pietroburgo
Puskin, Gogol
Dostoevskij e il mercato di Ploshad Vladimirskaja a San Pietroburgo
Lenin e la Finlandskij Vogsal, la Stazione di Finlandia
Leningrado e San Pietroburgo
I Giardini d’Estate, Letnij sad
La Fortezza di Pietro e Paolo, Petropavlovskaya Krepost
La piazza del Palazzo, Museo Ermitage
Majakovskij e il Caffè “Cane Randagio”
Anna Achmatova e il Museo “Casa Anna Achmatova”
La Prospettiva Nevskij di San Pietroburgo
La Blokada, l’Assedio di Leningrado
La parata del 9 Maggio, il Giorno della Vittoria
La Dumskaya uliza e i giovani di San Pietroburgo
Viktor Tzoi e il Bar Kamchatka a San Pietroburgo
I barboni russi
Chef russi
Le etnie russe
Immigrati in Russia
Buddisti in Russia

Peter the Great and the foundation of St. Petersburg
Pushkin, Gogol
Dostoevsky and the market of Ploshad Vladimirskaja in St. Petersburg
Lenin and the Finlandskij Vogsal, Finland Station
Leningrad and St. Petersburg
The Summer Gardens, Letnij sad
The Peter and Paul Fortress, Petropavlovskaya Krepost
The Palace Square, Hermitage Museum
Mayakovsky and the “Stray Dog” Cafe
Anna Achmatova and the “Dom Anna Achmatova” Museum
The Nevsky Prospect of St. Petersburg
The Blokada, the Siege of Leningrad
The 9th May Victory Day Parade
The Dumskaya uliza and the youth of St. Petersburg
Viktor Tzoi and the Kamchatka Bar in St. Petersburg
The Russian tramps
Russian chefs
Russian ethnic groups
Immigrants in Russia
Buddhists in Russia

#russia #sanpietroburgo #saintpetersburg #sainktpetersburg #leningrado

Create your website at WordPress.com
Get started
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close